Charvein, Denise

Francese, regista di disegni animati. Ha girato anche un vero e proprio film d’animazione.


Fabuleuse histoire de Persée (La) DA – Francia
Annalya Toubari DA 22′ (Venezia ’62 Leone CM soggetto) 1962 – Francia

Cavani, Liliana

Nata il 12 gennaio 1937 a Carpi (Modena). La madre di famiglia operaia, il padre di antica buona borghesia. Il nonno era un capolega operaio che aveva vissuto tutto il fascismo fuggendo ribellandosi e invitando gli altri alla ribellione. A 23 anni si laurea in lettere antiche presso l’Università di Bologna. Durante il periodo universitario si interessa di cinema e fonda un cineclub. Nel 1960 si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia. Nel 1961 vince alla RAI un concorso per funzionari. Le viene proposto un contratto per funzionari che rifiuta, comincia invece a lavorare come regista per il 2° canale che era allora agli esordi. Prima dell’esordio fiction, nel ’66, con ‘Francesco d’Assisi’ ha lavorato molto nel documentario di profonditá (razzismo, Vichy, nazzismo, Stalin) e durante questo lavoro incontra una ventine di protagoniste della storia partigiana, dalle gappiste alle guerrigliere metropolitane, dalle politiche di professione alle contadine che rischiavano la vita dei propri figli per salvare i figli altrui, dalle deportate nei campi di sterminio alle torturate dai nazifascisti. 4.563 donne arrestate, 623 fucilate, oltre 3000 deportate. Sacrificio inutile, tutto quello che ottennero dopo fu solo il suffragio universale e qualche elogio forte. Tutto questo nel film ‘La donna della resistenza’ documentario del 1965.


Lulu – Italia
Incontro notturno (L’) o Antiorfeo 10′ (Film scolastico) 1960 – Italia
Battaglia (La) CM 30′ (saggio fine anno) 1961 – Italia
Evento (L’) CM 1962 – Italia
Storia del terzo Reich 1962 – Italia
Donne nella Resistenza (Le) (Prima puntata di Prima Pagina” 1965 1963 – Italia
Assalto al consumatore 18′ (Corto Suzzarese 1996) 1963 – Italia
Uomo della burocrazia (L’) 16′ (Corto Suzzarese 1996) 1963 – Italia
Età di Stalin (L’) 1964 – Italia
Casa in Italia (La) 1965 – Italia
Gesù mio fratello 1965 – Italia
Philippe Petain – Processo a Vichy 1965 – Italia
Giorno della pace (Il) DM 1965 – Italia
Francesco d’Assisi 134′ (condensato dello sceneggiato TV del 1966) 1966 – Italia
Galileo 1968 – Italia
Cannibali (I) 1969 – Italia
Ospite (L’) 1971 – Italia
Milarepa 1973 – Italia
Portiere di notte 1974 – Italia
Al di là del bene e del male 1977 – Italia
Pelle (La) 133′ 1981 – Italia
Oltre la porta 110′ 1982 – Italia
Interno berlinese 1985 – Italia
Francesco 150′ 1989 – Italia
Dove siete, io sono qui 107′ 1992 – Italia
Settimo cerchio (Il) (in prep.) 2000 – Italia
Gioco di Ripley (Il) 110′ 2002 – Italia/GB

Brabo, Michèle


Chaim soutine 13′ (Venezia ’59) 1959 – Francia
Dunoyer De Segonzac DM 16′ (Venezia ’62 leone film biografico artista) 1962 – Francia

Box, Muriel

Inglese, nata a Tolworth (Surrey) nel 1905 come Muriel Baker. Ha iniziato come sceneggiatrice, riduttrice per le produzioni Stoll e British Instructional per poi iniziare una lunga collaborazione letteraria con il marito Sydney Box che produrrà più di settantina di commedie. La loro intesa letteraria e e coniugale proseguì anche sul piano cinematografico con degli adattamenti comuni tradottisi in film. Inizia a girare documentari nel 1941, durante il periodo bellico quando scarseggiava la presenza di registi. Il Ministero dell’Informazione le impedú di girare da sola sulla situazione dell’infanzia, tema troppo sgradevole e non adatto a una donna. L’esperienza di adattatrice e dialoghista non poteva bastare perchè la partecipazione attiva all’elaborazione tecnica e finanziaria delle produzioni cominciava a farsi sentire. Nel 1946 seguú il marito alle Gainsborough Pictures dove ottenne la direzione delle sceneggiature. Passò poi con le stesse funzioni alla Rank Organization che abbandonerá alla costituzione della propria casa di produzione indipendente, la London Independent Producers. Qui decise di diventare regista lavorandovi per un lungo periodo. Nella metà degli anni sessanta, nella sua pienezza professionale dopo l’insuccesso del suo ultimo film girato nel 1964 decise di smettere. Intraprese una nuova carriera, quella di novellista, formando con Vera Brittain nel 1966 la casa editrice Femina Books. E’ morta nel 1991.


Mr. Lord says no! ? 1952 – GB
Happy family (The) 1952 – GB
Prince for Cynthia (A) CM 1953 – GB
Street corner (Both sides of the law) 1953 – GB
Grande flagello (Il) (The Beachcomber) 90′ 1954 – GB
To Dorothy, A Son 1954 – GB
Simon e Laura 90′ 1955 – GB
Cash on delivery ??? 1956 – GB
Donna da uccidere (Una) (Eyewitness) 82′ 1956 – GB
Novel affair (A) ??? 1957 – GB
Passionate stranger (The) 1957 – GB
Truth about women (The) 106′ 1958 – GB
This other Eden 1959 – GB
Prigioniero del grattacielo 1959 – GB
Piper’s Tune (The) 1962 – GB
Rattle of a simple man 96′ 1964 – GB

Box, Muriel /Zetterling, Mai


Subway in the sky 1959 – Svezia
Too young to love 1960 – GB
Polite invasion (The) (La vita dei lapponi)DM 1960 – Svezia
Lords of little Egypt (The) B/N CM DC 1961 – GB
Prosperity Race (The) B/N CM DC 1962 – GB

Bonn, Susanne


Domani a Nanguila (Demain à Nanguila) DM 60′ 1962 – Mali/Francia

Categorie Senza categoriaTag

Bellon, Yannick

Francese, nata a Biarritz il 6 aprile 1924. La madre, Denise, era fotografa e amica dei surrealisti. Il padre un magistrato, liberate e amante delle lettere. Uno zio surrealista, poeta attore, cineasta e critico cinimatografico: Jacques-Bernard Brunius. Una famiglia che dette alla regista un’ottima scuola. E’ stata una delle sostenitrici della creazione dell’IDHEC dove si è diplomata come montatrice, si è dedicata al montaggio di film di animazione prima di diventare assistente alla regia e documentarista. Negli anni immediatamente la fine della guerra (1946-1948) realizza un documentario Gàemons sugli abitanti di una piccola isola bretone (Beniguet) che vivono sulla raccolta delle alghe. Il film vince il premio internazionale di documentari alla Mostra di Venezia nel 1948. La regista seguirà gli abitanti dell’isola lungo il corso di vent’anni. Sposa un critico Henry Magnan dal quale avrà collaborazione. Nel 1964 lavora al Servizio Delle Ricerche della ORTF. Nel 1971 finalmente si sente pronta per la regia di un lungometraggio.


Chemins de la ville (Les) – Francia
Göémons CM (Venezia’48 primo premio per il DM) 1948 – Francia
Colette (Die) CM 1950 – Francia
Tourisme (Le) CM 1951 – Francia
Varsovie quand même DM CM 1953 – Francia
Matin comme les autres (Un) DM CM 1954 – Francia
Rosa dei venti LM 1956 – Francia
Zaa, petit chameau blanc DM CM 1960 – Francia
Bureau des mariages (Le) CM 1962 – Francia
Bons baisers a bientot TV 1963 – Francia
Cécil Sorel TV 1963 – Francia
Biblioteque de poche (Trasm.TV mensile dal ’64 al ’66) 1966 – Francia
Plaie et le couteau (La). Charles Baudelaire TV 1967 – Francia
Anatomie de Los Angeles TV 1969 – Francia
Qualcuno da qualche parte 1970 – Francia
Venise TV 1970 – Francia
Brésiliens d’Afrique, africains du Bresil (3 trasm. TV) 1973 – Francia
Donna… una moglie…(Una) (La Femme de Jean) 103′ 1974 – Francia
Mai più sempre (Jamais plus toujours) 1976 – Francia
Amour violé (L’) 1977 – Francia
Amore nudo (L’) 1981 – Francia
Enfants du desordre LM 1989 – Francia
Affût (L’) LM 1992 – Francia